2^ Serie D: Sustinente-MGM 82-57

Secondo referto giallo in due gare di campionato e seconda sconfitta che lascia perplessi: questa volta l’avversaria di turno non ha sfoderato una prestazione maiuscola (come Bancole all’esordio) né si è dimostrata nettamente superiore alla nostra compagine, come invece il risultato lascerebbe presupporre, per cui il ritorno da Sustinente è ancora più amaro!
In realtà torniamo a casa con la conferma che siamo ampiamente da Serie D ma che ci sono tanti ed evidenti problemi da risolvere, primo tra tutti quello dell’adattamento alla nuova categoria e della fiducia che viene a mancare troppo presto e alle prime complicazioni.
Sono tutti ostacoli sul percorso che potevano essere messi in conto, per carità, e forse è meglio che la sconfitta sia arrivata con un tonfo così fragoroso piuttosto che lasciare alibi o possibili spiegazioni alternative; invece siamo questi, abbiamo dimostrato di poter giocare alla pari contro due avversarie di rango ma anche di mancare di leadership nei momenti difficili e non essere ancora “Squadra” nel senso più pieno del termine.

Venendo alla partita, la MGM parte con Bignotti in cabina di regia che si infortuna al primo minuto del match per una distorsione alla caviglia: game over per lui e prima tegola.
I ragazzi di coach Tanfoglio cominciano comunque con buon piglio e giocano bene su entrambi i lati del campo, limitando bene il gigante Simeoni, e chiudono la prima frazione in vantaggio per 19-16 e con almeno 3 canestri facili sbagliati da sotto (i ferri molto duri sputavano ogni conclusione imperfetta…).
Nella seconda frazione i padroni di casa migliorano le medie al tiro e impattano il risultato; la MGM resta ferma al palo per oltre 4 minuti, poi trova una tripla di Ben Houmane che pare il preludio al cambio di passo ma che resta invece isolata.
La bomba dall’angolo di Compagnoni allo scadere consegna il +8 dell’intervallo ai padroni di casa in un match che resta comunque incerto ed equilibrato.

Nel terzo quarto invece… la débâcle!
L’attesa reazione non arriva, anzi…  Ben presto capitan Genco scivola sul parquet e va in spaccata stirando l’adduttore: entità dell’infortunio ancora da valutare, ma nel frattempo match concluso anche per lui.
I nostri vanno in crisi di fiducia e si smarriscono in attacco e soprattutto in difesa, concedendo canestri facili e moralmente molto pesanti.
La partita si chiude quindi rapidamente, con il parziale di 22-14 x i mantovani e il chiaro sconforto dei bianconeri in campo.

Restano da segnalare la voglia e l’intensità di Bertanza nell’ultima frazione di gioco, sempre in agguato sugli anticipi e pronto ad attaccare il ferro in attacco: da qui dobbiamo ripartire, perché con QUELLA intensità e QUELLA voglia di spaccare il mondo le partite finiranno diversamente!

Prossimo impegno venerdì prossimo tra le mura amiche contro il quotato Casalmaggiore, a punteggio pieno dopo aver espugnato Ome prima e battuto poi il San Pio; ma noi dobbiamo pensare a noi stessi e al nostro approccio alle partite, non tanto agli avversari, il resto verrà di conseguenza.
Da parte della dirigenza c’è la piena fiducia e il pieno sostegno a questo gruppo e al nostro coach, e siamo convinti che la direzione del vento cambierà, perché le qualità ci sono!
E se il nostro stemma porta scritto “intelligenza-forza-perseveranza” non è un caso, quindi rimbocchiamoci tutti le maniche e cambiamo facce!!!!

Bertanza-Davide

Ripartiamo dalla voglia di Claudio Bertanza, qui ancora in maglia Virtus

BASKET SUSTINENTE: Brecciaroli, Artioli, Cambarali 3, Mazzola, Braguzzi 15, Steccanella 11, Compagnoni 19, Freddi, Zanini 5, Ferraboschi 11, Ferrari 5, Simeoni 13. All. Zecchini 1.ass Malagodi
MGM BASKET: Turinelli 7, Gamba n.e., Genco 6, Bignotti, Bertanza 7, Giotto 11, Ben Houmane 6, Loda, Testoni 16, Ricci 4. All. Tanfoglio

Parziali: 16-19, 21-10 (37-29), 22-14 (59-43), 23-14 (82-57)

Arbitri: Castagna e Montanami

 

 

Annunci

1^ Serie D: MGM-Bancole 62-75

Esordio amaro nella serie D regionale per la MGM!
I ragazzi di coach Tanfoglio sono entrati in campo un po’ contratti (comprensibile l’emozione!) e hanno avuto un duro impatto con la nuova realtà che dovranno affrontare quest’anno, accumulando un ritardo di 8 punti nel primo parziale, che sono cresciuti fino a 13 nel secondo.

Turinelli, Genco, Ben Houmane, Giotto e Testoni il nostro starting five per il debutto, che parte con buona volonterosità ma che sin dalle prime battute subisce la fisicità dei lunghi avversari Dalfini e Faccioli, che imperversano sotto le plance.
MGM un po’ arruffata e disordinata, che tiene però nei primi 5 minuti trovando anche buone combinazioni di gioco.
Bancole si dimostra comunque squadra solida e completa, e come detto giostra bene sia da sotto sia nel tiro dall’arco, specialità nella quale si dimostra mortifera piazzando 3 bombe in rapida successione.
Faccioli poi ha una stazza difficile da tenere e si fa largo tra le nostre maglie, gonfiando la retina con abilità.

L’impressione che si ha è quella di una continua rincorsa e della fatica a trovare soluzioni facili, se si eccettuano alcuni contropiedi che mandano Giotto a realizzare, e di polveri molto bagnate dalla distanza.

La seconda metà di gara diventa più equilibrata: ritrovata una difesa più aggressiva ed efficace, i padroni di casa prima sprofondano di quasi 20 lunghezze, ma poi trovano la forza di riemergere e di accendere 2-3 volte dei focolai di rimonta che si spengono però sempre sul -10 a causa di diversi errori di imprecisione, fretta o anche solo carambole sfortunate.
Bravi per la verità anche i ragazzi di Bancole, che proseguono per la loro strada  mantenendo medie di tutto rispetto, con Faccioli sempre imprendibile che carica di falli i nostri difensori e va a bersaglio con continuità.
Genco scalda la mano e trova anche qualche tripla che accorcia le distanze, ma la partita non si riapre mai completamente e i tiri liberi su fallo sistematico finale scolpiscono il 62-75 finale.

Esordio amaro allora, con sconfitta nonostante il pericolo avversario n.1, Borretti, sia stato ben limitato e tenuto a soli 3 punti, ma d’altronde questa è la serie D, una categoria dove incontri squadre ben strutturate come Bancole e in cui per vincere devi dare il 101%, specialmente una neopromossa come noi!

Passo falso iniziale dunque, ma il cammino è lungo e noi siamo ancora più fiduciosi!

1381275910_giottopaoloBuon esordio per Paolo Giotto, con 15 punti e tanta sostanza

Tabellini
MGM Basket: Turinelli 4, Bettelli n.e., Genco 21, Bignotti, Bertanza, Giotto 15, Ben Houmane 6, Loda, Testoni 6, Ricci 10. All. Tanfoglio
Basket Bancole: Caravati, Bertasi n.e., Dalfini 10, Zucchet n.e., Borretti 3, Montresor 3, Turina 3, Steccanella 4, Faccioli 26, Mantovani 17, Masenelli 9, Zaccarin n.e.. All. Martina, 1.ass Gozzi

Progressione parziali: 16-24, 14-19 (30-43), 19-19 (49-62), 13-13 (62-75)

 

 

 

15^ rit. Trenzanese-MGM 68-83 – S E R I E D ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! !

Ed ora possiamo finalmente alzare le braccia al cielo e urlare tutta la nostra gioia pronunciando le due parole tabù: SERIE D!!!!

La MGM passa meritatamente sul campo di Trenzano e conquista il primo posto finale della classifica, a pari merito con il Lumezzane, ma in virtù degli scontri diretti (entrambi vinti dai cittadini) sale direttamente nella categoria superiore, senza passare dai playoff!

TRIONFO quindi… non vengono in mente altri termini per descrivere questa cavalcata vincente, che conta una striscia aperta di 13 vittoria consecutive e che ci ha visti perdere solamente 3 incontri durante tutto il campionato, e perdipiù tutti quando il roster era fortemente falcidiato dagli infortuni.
Come non essere orgogliosi di una squadra che ha perso solo 3 partite e che ha battuto tutte le principali avversarie, dal Lumezzane (due volte), al CXO (e ancora una volta.. peccato non aver potuto competere fino alla fine anche con loro), al CUS, Trenzano, i Lions e Paderno…

Grande squadra, grande coach e grande gruppo, guidato magistralmente dall’esempio in allenamento e in partita di Capitan Prederi, 46 anni ma ancora tanto da dare e da insegnare a chi ha la fortuna di giocarci insieme, e al quale va il nostro ringraziamento particolare perché in questa stagione non avrebbe dovuto essere dei nostri ma non si è tirato indietro di fronte alle emergenze che si erano venute a creare e ha risposto positivamente alla nostra richiesta di aiuto.
E avendone visto il rendimento e l’importanza per tutta la squadra, noi tutti speriamo che sarà con noi anche nella prossima annata!

Dopo il capitano un altro ringraziamento particolare va al condottiero di questa squadra, coach Marco Tanfoglio, primo a riconfermare senza alcun tentennamento l’estate scorsa la sua presenza alla MGM e a credere che si potesse raggiungere l’obiettivo sfumato per un soffio nel campionato precedente.
Il nostro coach ha lavorato con grandissima voglia, capacità e professionalità per tutto l’anno, facendo buon viso di fronte alle assenze, agli infortuni o ai piccoli incidenti di percorso e mantenendo sempre dritta la barra del comando… per lui, come per tutti, questa promozione è strameritata!

Vista l’occasione particolare, in questo post dedicheremo un po’ più spazio ai ringraziamenti che alla partita vera e propria…
Infatti, come da tutti è stato riconosciuto, questa squadra ha potuto vincere il campionato solo grazie ad un grandissimo gruppo, che si è cementato partita dopo partita e post allenamento dopo post allenamento: come non ringraziarli uno per uno questi ragazzi??
Il bomber Angelo Genco, capocannoniere della squadra, che ha rinunciato alla D per venire da noi e ha impostato un intero anno di lavoro in funzione dei nostri allenamenti e partite; il sempre presente Ivan Bignotti, motorino instancabile che da Iseo non ha mai fatto mancare il suo apporto; il martoriato Marco Turinelli, alle prese quest’anno con mille infortuni ma che ha sempre stretto i denti per esserci; il buon Sergione Lucchini, in costante miglioramento nei due anni trascorsi con noi; il pivottone Ale Ricci, che ha fortemente voluto la MGM l’estate scorsa e che durante l’anno ha dovuto combinare scelte di vita e di lavoro con il basket; il cantastorie Paolo Martinelli, che con un piede già virtualmente impantofolato sul divano si è rimesso le scarpette per venire a portare il suo contributo in campo e nello spogliatoio; il tuttologo Daniele Imbelloni, assetato di rivincite e sempre presente nonostante acciacchi e lavoro premessero!
E poi ancora i ragazzi che si sono uniti al nostro gruppo a stagione in corso, a dare manforte dopo gli infortuni e permettendo di mantenere invariata la competitività della squadra: Leandro Lottatori, che tra mille problemi di lavoro ha portato il suo talento e la sua esperienza divenendo presto un punto fermo della squadra; “Pollo” Poletti, un’esplosività fisica giunta da Bovezzo per lottare per un obiettivo nuovo (e a tal proposito, grazie ancora alla società Bovezzo per avergli permesso questa esperienza); e Gianluca Pezzato, il più giovane del gruppo, da Trento per dare intensità e muscoli. Ma in qualche modo tutti hanno portato il loro piccolo mattoncino, e mi piace quindi ricordare anche i lungodegenti Gianni Napolitano, bomber sfortunato che ha potuto giocare solo poche partite, Alberto Melzani, vittima di una doppia frattura del malleolo ad inizio stagione ma sempre uno di noi, e Diwi Belussi, ancora in attesa di operazione al menisco ma che non ha mai fatto mancare presenza e supporto, anche dalla tribuna quando non ha più potuto dare il suo contributo in campo.

E infine gli altri componenti della famiglia: il nostro pilone in Marocco Daniele Virgadaula, Giampy Giacomelli, jolly d’eccezione per le situazioni più disperate, e la nostra super refertista Giudy Renaldini. Senza il loro aiuto questo risultato non sarebbe stato possibile!

E poi… i tifosi!! Magari pochi, ma molto affezionati, genitori, morose, amici che fossero, e che poco o tanto a seconda delle situazioni, hanno sostenuto la squadra dando la spinta necessaria a rendere l’Ugolini il nostro fortino!
Grazie di averci seguiti e speriamo diventiate sempre più numerosi e rumorosi!

Venendo invece alla partita che ci ha consacrato campioni, la trasferta a Trenzano è stata una partita vera e giocata (bene) da entrambe le contendenti fino all’ultimo. MGM subito molto carica e che fa valere le proprie extra motivazioni, molto brava nel mantenere i nervi saldi quando, nonostante tutti gli sforzi, Trenzano riusciva a rimanere in contatto con i canestri dalla lunga di Nezosi e Rosola e dei contropiedi fulminei.

Ma l’altra sera proprio non ce n’era per nessuno; la MGM sente l’obiettivo ormai vicino e non ci sta proprio a farselo sfuggire, e così sciorina tutto il repertorio offensivo e difensivo (giganteggiano in attacco Prederi, Genco, Ricci e Lottatori mentre Imbelloni è un baluardo in difesa) e nel terzo quarto riesce finalmente a prendere un discreto margine.
L’ultimo parziale vede i nostri play gestire bene il pallone anche di fronte al press degli avversari, che tentano il tutto per tutto, e il divario così si allarga fin quando al fischio finale scatta la festa, con le docce ghiacciate di rito a coach e dirigenti!
Doverosi complimenti al Trenzano comunque, che pur non avendo più alcun obiettivo stagionale ha onorato il campionato fino in fondo lottando fino alla fine.

SERIE D allora! Lo scriviamo ancora una volta perché il sogno è diventato realtà e per la MGM sono due promozioni nel giro di 3 anni, che la consacrano peraltro come seconda squadra della città di Brescia!
Ma la nostra non è certo un’Associazione che dorme sugli allori e tante, tante e veramente tante novità bollono già in pentola quindi… restate sintonizzati per lo “Speciale Serie D” che stiamo preparando e per scoprire pian piano tutte le nostre novità.

10988087_10152906538371448_7841439983202735698_n1.jpg

Una bella  immagine della festa di fine partita

Tabellini

Pitra Trenzano: Cabrini, Nezosi 15, Otello, Rosola M. 14, Bonardi, Scolari 5, Martinoli 3, Zanella (K.) 6, Rosola A. 14, Festa 11. All. Maestrelli
FF Falconi MGM Basket: Turinelli 8, Lottatori 17, Martinelli, Poletti 3, Genco 21, Bignotti 3, Prederi 12, Imbelloni 4, Ricci 15, Lucchini. All.Tanfoglio

Progressione parziali: 21-24; 10-15 (31-39); 20-27 (51-66); 17-17(68-83).

N.B. Tra i tanti ringraziamenti ,abbiamo lasciato per ultimi quelli a coloro i quali ci hanno permesso di svolgere la nostra attività anche in questa stagione.
I nomi che trovate qui sotto sono quelli di persone e aziende che credono nello sport e nella sua enorme rilevanza sociale e aggregativa, e che ci hanno quindi sostenuto economicamente investendo di tasca propria.
Crediamo che se tutti facessero come loro la nostra società sarebbe migliore, e che quindi andrebbero premiati con la vostra preferenza quando dovrete scegliere cosa comprare o dove andare!
Grazie a tutti loro e grazie a chi di voi deciderà di ricompensarli!

Questo slideshow richiede JavaScript.

14^ Rit. MGM-Bovezzo 75-54

 

 

Tipica gara di fine stagione ieri sera all’Ugolini e troppo ampia la differenza di motivazioni in campo per vedere un match equilibrato.
Bovezzo è ormai al termine di un campionato che l’ha vista raggiungere con largo anticipo i suoi obiettivi, mentre la MGM è ancora in testa a pari merito con Lumezzane ma è avanti di quel mezzo passo grazie alle vittorie negli scontri diretti che le garantirebbero la promozione diretta in caso di arrivo in parità. E vista la vittoria dei valgobbini della sera prima… vincere era un obbligo anche per i ragazzi di coach Tanfoglio!

Assenti Genco da una parte e Apostoli dall’altra, partita dell’ex per Poletti e per il coach bovezzese Fioretti, la sfida si incanala subito su binari favorevoli ai padroni di casa, che entrano in campo intenzionati a non rischiare nulla.
Il 22-11 dei primi 10 minuti e il 26-14 dei secondi 10′ parlano chiaro e segnano sul tabellone un eloquente 48-25 già all’intervallo, con Caldera e Bodei che cercano di trascinare i propri compagni, ma Lottatori, Bignotti e Poletti non concedono niente e marcano il divario.

Nel secondo tempo le difese mollano ulteriormente la presa e Prederi banchetta dalla distanza, cogliendo l’occasione per mostrare tutto il campionario: alla fine chiuderà con 9 rimbalzi, 3/3 dall’arco e 4/5 da 2, cifre che la dicono lunga su quanto questo incredibile giocatore alla veneranda età di 46 anni possa ancora incidere in questi campionati.
Ottima anche la prestazione di Bignotti, che detta i tempi, avvia i contropiedi e anche lui si fa trovare molto prolifico nelle conclusioni dalla lunga, con un 3/4 finale che gli consegna un bottino totale di 12 punti.
Completa l’opera un indiavolato Martinelli che fa e disfà, sia in attacco che in difesa, con un instancabile perenne movimento!
Il Bovezzo lascia invece spazio ai più giovani, che ben figurano e mettono a referto punti importanti per la loro crescita, mentre la partita si avvia verso il 75-54 finale che consegna i due preziosissimi punti in classifica alla MGM e appuntamento a TUTTI a mercoledì prossimo, 13 maggio, in quel di Trenzano alle 21.15 al palazzetto di via Marconi.

Bene così quindi; anche questa piccola missione è stata compiuta ed ora manca solo l’ultimo ostacolo, appunto la trasferta di Trenzano, per raggiungere il traguardo più grande.

Nel dopopartita si apprende poi della vittoria del CUS, che consegna agli universitari la terza e ultima piazza valida per i playoff e toglie ogni speranza al Trenzano, che quindi non ha più obiettivi stagionali.
Si badi bene però a non considerare l’ultima partita come una mera formalità: Trenzano è squadra ben attrezzata e con giocatori di valore, che ci terrà a ben figurare nell’ultima uscita stagionale davanti al proprio pubblico e che, libera da ogni pressione, venderà cara la pelle fino all’ultimo, quindi dovremo mettere in campo la concentrazione l’aggressività e la grinta delle partite migliori e far prevalere la nostra rabbia sportiva se vorremo poter alzare le braccia al cielo al termine dei quaranta minuti.
Partiamo con il favore del pronostico, è vero, ma guai a sottovalutare l’ostacolo!!!!!

VAMOS MGM!!!!!
Ancora un solo, unico, minuscolo, passo…  e si farà la storia!!!!

MGM-105  MGM-101

Ivan Bignotti e Paolo Martinelli, protagonisti della sfida di ieri sera

Tabellini
FF Flex Link MGM Basket: Turinelli 2, Lottatori 15, Martinelli 5, Poletti 7, Bignotti 12, Prederi (K.) 17, Imbelloni 2, Ricci 6, Lucchini 9. All. Tanfoglio
Basket Bovezzo: Perucchetti, Volpi 6, Ceretti, Zizioli 3, Donato (K.) 2, Gnutti 9, Antonelli 2, Corsini 4, Capuzzi 2, Calderi 12, Bodei 10, Zimotti 4. All. Zucca-Fioretti

Progressione parziali: 22-11; 26-14 (48-25); 18-10 (66-35); 9-19 (75-54)

 

13^ Rit: Covo-MGM 50-76

Bella affermazione sul campo del Covo per la MGM nell’anticipo di lunedì sera.
Come raramente si è visto quest’anno, la squadra di coach Tanfoglio ha preso subito un cospicuo margine e l’ha mantenuto per tutta la gara senza pause che permettessero ai ragazzi di casa di sperare in un rientro.

Difesa attenta, contropiede e buona circolazione offensiva le chiavi dell’incontro, unite chiaramente a delle buone percentuali al tiro.

“Man of match” l’ex Bovezzese Poletti che, forse già carico in vista dell’ormai prossima partita dell’ex, si è distinto su entrambi i lati del campo mostrando tante buone cose.
In ogni caso tutti i 10 giocatori sono stati sapientemente ruotati e hanno dato il proprio contributo alla vittoria.

Meno due quindi… ancora due sole vittorie per raggiungere l’obiettivo, ma è già tempo di tornare ad allenarsi e di concentrarci su Bovezzo, prossimo avversario nell’ultima gara interna. Almeno di regular season!!!!

Pollo

“Pollo” Poletti, protagonista lunedì sera con punti,
assist, stoppate e palle recuperate.

Tabellini
Basket Covo: Berni NE, Ulivieri L. 8, Dominelli 2, Ulivieri M. 1, Luinetti, Costelli 13, Meloni 8, Acetti, Asperti, Pulinetti (K.) 18, Giordano. All. Valotti
FF Falconi MGM Basket: Turinelli 2, Lottatori 2, Pezzato, Martinelli P. 3, Poletti 18, Genco 16, Bignotti 6, Prederi (K.) 14, Ricci 12, Lucchini 2. All. Tanfoglio

Progressione parziali: 7-21; 12-19 (19-40); 16-13 (35-53); 15-23 (50-76)

 

12^ Rit: MGM-Lions 64-61

 

All’Ugolini la paura fa 90… anzi, fa 61, come il 60-61 con cui i Lions hanno messo la testa avanti a 47 secondi dalla fine del match!

Partita molto sentita ieri sera, con entrambe le squadre molto motivate e con una posta in palio davvero pesante: chi vinceva infatti poteva continuare ad inseguire il proprio traguardo, cioè il primato per la MGM e un piazzamento playoff per i Lions, mentre per gli sconfitti si sarebbe fatta dura.
I padroni di casa entrano così in campo un po’ contratti, complice anche la settimana di riposo forzato causa cancellazione della partita con il CXO, mentre i ragazzi di Marino Gregorelli come da previsione partono carichi di rinnovato entusiasmo e scoppiettanti.
Giotto e Testoni segnano subito e soprattutto fanno incetta di rimbalzi offensivi, con la difesa di casa in bambola e l’attacco contratto.
Dopo aver rischiato lo 0-7 con una bomba uscita di poco, è Lucchini a suonare la sveglia con un gioco da 3 punti trasformato, e il match scorre equilibrato fino al decimo minuto, con il parziale sul 12-11.
La partita è intensa e in campo c’è molto pathos; i molti contatti (favoriti anche dal peggior arbitraggio stagionale… ci si augura che in sfide così decisive ci sia almeno un arbitro di esperienza e personalità) e gli attacchi contratti non favoriscono lo spettacolo offerto ad un pubblico folto e comunque molto caldo.

Il secondo quarto vede l’ingresso in campo dell’MVP di serata, il lungo Ricci, che sfrutta bene le sue qualità e mette in seria difficoltà la difesa ospite, andando a bersaglio con frequenza e subendo caterve di falli.
Due bombe di Lottatori e una di Genco lanciano la MGM verso il primo break, mentre nel momento di maggior difficoltà ospite arrivano 5 punti in fila di capitan Zizioli e il canestro allo scadere di Giotto che ricuciono subito il divario e inchiodano il risultato all’intervallo sul 31-25.

I secondi venti minuti si aprono all’insegna dell’anarchia arbitrale e proseguono sulla via dell’equilibrio. Ricci continua a colpire, aiutato da un Lucchini rientrato in campo ispirato e combattivo. Coach Tanfoglio ruota tutti i 3 play cercando la combinazione di gioco migliore e dosando le forze di tutti e 10 i suoi giocatori.
La difesa cresce di tono ma i Lions nelle difficoltà trovano modo di esaltarsi e Guarneri realizza un canestro pazzesco allo scadere dei 24 secondi cadendo all’indietro e con l’uomo attaccato al corpo e restano in scia. Tanti falli e tanti tiri liberi in questa fase, con le squadre presto in bonus.

Finalmente all’inizio dell’ultimo parziale la MGM riesce a scappare e, complici 3 minuti di black out offensivo ospiti, Lucchini-Turinelli-Lucchini fanno volare i padroni di casa sul +11 a poco più di 7 minuti dal fischio finale.
Partita finita? Non per i Lions, che trovano subito una tripla di Franceschini (peraltro lasciato colpevolmente libero…) e con ritrovate energie si buttano a capofitto nella ricerca della rimonta, piazzando subito un controbreak e rientrando in partita.
Gli ultimi minuti saranno quindi un testa a testa non adatto ai deboli di cuore.
Ricci in lunetta fa 2/2 e riporta i suoi a +4 ma ancora una volta è Zizioli a farsi trovare pronto sullo scarico e a completare il suo 2/2 dalla distanza, riportando i Lions a -1.
Genco dall’altra parte risponde tirando una palla che pesa come una palla medica e che va miracolosamente ad insaccarsi senza parabola. +3.
L’attacco Lions è di nuovo confusionario, i secondi passano e si ritrova la palla in mano il lungo Giotto fuori dall’arco, esita un attimo e si trova costretto a tirare: solo rete e canestro del pareggio!!!
Incredibile cuore dei Lions che non cedono mai!
MGM che stavolta sente il fiato sul collo degli avversari e mantenere la lucidità si fa sempre più difficile.
I bianconeri di casa litigano dalla lunetta: prima Lucchini fa 0/2, poi Genco 1/2, mentre dall’altra parte Guarneri è glaciale nel realizzare il 2/2 che consegna ai Lions il primo vantaggio del match a 47 secondi dalla fine, sul 60-61.
La MGM vede materializzarsi tutti i fantasmi possibili immaginabili, la tensione si taglia con un coltello; l’attacco è molto confuso e finisce per provare la tripla Turinelli ma senza successo. Quando la palla sta per arrivare nelle mani ospiti però un guizzo di Imbelloni sporca il rimbalzo e ne nasce una carambola che finisce nelle mani di Ricci, che senza esitare si gira e pur in equilibrio precario realizza il tiro dalla media, che è la specialità della casa: MGM di nuovo in vantaggio e tutto il peso di nuovo sui Lions!
Guarneri fa tutto da solo e si butta verso il canestro cercando due punti o un fallo, ma trova solo una brutta caduta.
Nel time out che segue, a 7 secondi dalla fine, coach Tanfoglio disegna saggiamente una rimessa per capitan Prederi, che riceve e subisce il fallo sistematico, realizzando dalla lunetta un F O N D A M E N T A L E  due su due.
Nei 6 secondi che restano i Lions sono obbligati a tentare una tripla per agganciare il pareggio, ma la MGM difende bene e costringe Franceschini ad un brutto tiro che si spegne contro il tabellone.

MISSIONE COMPIUTA QUINDI!
Missione 1 di 4 però!
Mancano altre 3 vittorie per coronare il nostro campionato, quindi ora abbiamo giusto il tempo di recuperare le energie (fisiche e mentali) e lunedì ci attende un Covo in forte crescita.
Complimenti ai Lions per aver lottato e creduto fino alla fine nella vittoria e per aver realizzato dei canestri incredibili che li hanno tenuti in gara nei momenti più difficili.
E complimenti anche alla MGM però, che nonostante i patemi ha conquistato due punti difficili contro una buona squadra e per di più rimettendo in piedi una situazione che stava diventando pericolosissima!

VAMOS MGM!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

MGM-98

Alessandro Ricci con 9 rimbalzi e 19 punti, tra cui i 2 del controsorpasso, ha dato ieri sera un contributo fondamentale per la vittoria

Tabellini
MGM BASKET: Turinelli 2, Lottatori 8, Martinelli, Poletti 2, Genco 16, Bignotti, Prederi (K.) 6, Imbelloni 2, Ricci 19, Lucchini 9. All. Tanfoglio
LIONS BRESCIA : Rodella, Franceschini 8, Guarneri 13, Cartapani, Brunod 2, Zizioli (K.) 8, Tomasoni 7, Tovini , Leardini, Giotto 13, Testoni 10, Almici. All. Gregorelli

Progressione parziali: 12-11; 19-14 (31-25); 17-16 (48-41); 16-20 (64-61)

9^ Rit. CUS-MGM 54-59

 

 

Che non sarebbe stato facile passare sul campo del CUS lo si sapeva…
Che avremmo dovuto sudare le sette camicie per farcela… anche!
Che dopo la grande vittoria contro Lumezzane avrebbe potuto esserci un po’ di rilassamento… pure!
Insomma: nessuno ieri sera si aspettava una partita semplice, e così è stato!

Su un campo dove giocare bene non è semplice (luci? dimensioni? spazi?) e dove infatti erano già cadute avversarie come Lumezzane e Trenzano e gli Universitari hanno costruito le proprie fortune forti di un record di 9-1, la MGM è scesa in campo senza la grinta della partita precedente e ha dovuto arrivare sino agli inferi del -10 a 10 minuti dalla fine per scuotersi e tornare in sé, sciorinando un ultimo quarto deluxe e cogliendo i preziosissimi due punti.

Assenti due pedine importanti come Pernetta da una parte e Prederi dall’altra, la partita si apre con un parziale di 8-0 a favore dei padroni di casa che non lascia presagire nulla di buono…
Ci vogliono alcune invenzioni di Lottatori (11 p.ti in questo parziale per lui) per spingere gli ospiti in partita, mentre la difesa fatica a prendere le misure a Fernandez e Sogne.
L’ingresso di Martinelli riequilibra il quintetto di Tanfoglio e permette di alzare la difesa e recuperare il distacco, chiudendo il parziale in vantaggio di una lunghezza.

Nel secondo periodo sono gli ospiti a farsi preferire, mentre i padroni di casa faticano molto ad andare a bersaglio.
Si registrano due tentativi di piazzare il break, entrambe le volte bloccati sul +5 e subito recuperati, con tanto di beffa di Mazzali sulla sirena che riporta i suoi ancora sul -1 all’intervallo lungo: 29-30.

Nel terzo tempo, quando ci si aspettava una MGM capace di concretizzare la leggera supremazia territoriale dimostrata, si spegne totalmente la luce.
Gioco offensivo statico e tante soluzioni personali tentate senza fortuna, mentre dall’altra parte i ragazzi di coach Ferrari segnano e prendono fiducia volando a +10 sulle ali dell’entusiasmo.
Il parziale si chiude sul 46-38 con nubi nere che si addensano sugli ospiti, che tornano in panchina con le facce brutte di chi ha subito un colpo duro e inatteso.

A questo punto però la musica cambia improvvisamente e Turinelli (finalmente in campo dopo alcuni mesi di infortuni!!) guida la rimonta, recuperando palloni, lanciando Lottatori in uno spettacolare contropiede e smistando assist che un preciso Lucchini trasforma puntualmente, riportando in partita la MGM!
I padroni di casa stentano e sentono la pressione salire: il solo Fernandez trova delle buone giocate da sotto che danno ossigeno ai suoi, mentre dall’altra parte si sveglia anche Genco, fino a quel momento un po’ in ombra, che con 8 punti completa la rimonta e porta i suoi in vantaggio.
A poco più di un minuto dalla fine un gioco da 3 punti di Ricci porta gli ospiti a +4 e, dopo qualche azione confusionaria sia da una parte che dall’altra, un fallo tecnico alla panchina di casa a 40 secondi dalla fine sancisce la definitiva vittoria bianconera!

Andata all’inferno e ritorno insomma: fortunatamente la squadra, nonostante l’assenza del Capitano, ha dimostrato carattere e anche quando le cose si sono messe male ha saputo restare unita e reagire, tirando fuori il meglio di ognuno nei minuti decisivi e conquistando una vittoria tanto difficile quanto fondamentale per continuare l’avventura.

Con questa vittoria e la contemporanea sconfitta del Trenzano ad Iseo le prime 3 della classe hanno staccato di 8 lunghezze le inseguitrici e hanno praticamente decretato che promozione e playoff saranno cosa loro…
In quale ordine però è ancora assai misterioso, e dopo la sfida casalinga soft contro Martinengo sarà proprio la MGM a fare visita al CXO nel primo dei due match che decideranno le sorti del campionato (l’altro sarà CXO-Lumezzane il 30/4)!

Buona Pasqua a tutti intanto e… appuntamento alla settimana prossima!

VAMOS MGM!!!!

MGM-99

La copertina di questa settimana va al rientrante Turinelli,
sulla via del definitivo recupero!

Tabellini
CUS Brescia: Ortogni 7, Regosa 6, Cella NE, Bottarelli 9, Calchera 3, Mazzali 3, Chiodi 1, Festoni NE, Vizzardi 5, Catterina NE, Fernandez (K.) 17, Sogne 3. All. Ferrari
FF Falconi MGM Basket: Turinelli 2, Lottatori 13, Pezzato NE, Martinelli P. 3, Poletti 2, Genco 14, Bignotti 4, Imbelloni (K.) 1, Ricci 10, Lucchini 10. All. Tanfoglio

Progressione parziali: 18-19; 11-11 (29-30); 17-8 (46-38); 8-21 (54-59)

7^ Rit: Mgm-Ospitaletto 78-61

Ampio scarto nel punteggio finale per una partita ben giocata da entrambe le squadre e che in realtà è stata combattuta per almeno 30 minuti.
Ospitaletto si è presentata all’Ugolini con un ruolino di marcia di tutto rispetto, che dopo le difficoltà iniziali l’ha vista ingranare la marcia e vincere 9 delle ultime 10 partite, compresa quella prestigiosa sul campo del CUS (unici ad aver violato il campo degli Universitari in questa stagione).
Avversaria di tutto rispetto quindi, che sin dalla palla a due ha cominciato a dimostrare il proprio valore e la propria vena, con Morandini e soprattutto Zangrandi che colpivano a  ripetizione e Palmisano che trovava un jolly fuori ritmo dalla lunga distanza.
C’è voluta una buona MGM per reggere il colpo e rispondere a tono, mostrando subito un Lottatori ispirato e un Imbelloni molto motivato dalla partita dell’ex, e in generale un collettivo che girava e mandava a bersaglio a rotazione tutti i giocatori in campo.
L’equilibrio era sancito dal 20-21 con cui si chiudeva la prima frazione.

Nel secondo parziale cresceva la difesa cittadina e per i verdi si faceva più difficile segnare; solo 10 punti per gli ospiti, di cui 8 dalla lunetta (con in particolare un preciso Bertoli).
Dall’altra parte invece Lottatori continuava con le sue sgroppate vincenti, ben coadiuvato da Ricci (14 + 10 per lui alla fine) e Genco, mentre Bignotti rubava palloni e lanciava il contropiede di Poletti.
Primo break quindi e + 9 MGM all’intervallo lungo.

Ospi però non ci stava e alla ripresa del gioco si presentava con una bomba di Morandini e tentava il colpo di coda per il rientro, ricucendo fino al -2.
La MGM però era in buona serata e rintuzzava subito il tentativo, pigiando anzi il piede sull’acceleratore con due buone giocate di Prederi, e riportando il punteggio in sicurezza.
L’ultimo parziale vedeva i cittadini dilagare fino ad un +20 che per la verità non rendeva giustizia agli ospiti per quanto mostrato; Lucchini e Poletti veri cecchini in questa fase, mentre dall’altra parte l’ultimo ad arrendersi era l’ex capitano bianconero Carletto Bracchi.

Bella vittoria quindi, convincente, che ci permette di giocarci da outsider la sfida di giovedì prossimo in casa contro la capolista Lumezzane, che ci precede di soli 2 punti in classifica.
La partita di andata fu un assoluto exploit degli uomini di Tanfoglio, che senza il bomber Napolitano espugnarono la Valgobbia compiendo una vera e propria impresa; stavolta ci aspetta un Lumezzane più rodato e determinato a dimostrare di essere la vera regina del campionato e che non sottovaluterà la sfida; solo un’altra partita MAIUSCOLA quindi ci consentirà di portare a casa la posta in palio.
E poi con un Cartapani così… supermotivato dalla partita dell’ex….

Fiduciosi come sempre, due giorni di svago e poi sotto con la mentalità giusta!
Quindi lunedì birre!

imbelloni alto

Prova di grande sostanza ieri per l’ex-Ospi Imbelloni: oltre ai 4 punti si contano 8 rimbalzi e ben 6 palle recuperate, oltre a una presenza costante sotto le plance

FF Flex Link MGM Basket: Lottatori 13, Pezzato, Poletti 10, Bignotti 5, Genco 10, Prederi (K.) 11, Imbelloni 4, Ricci 14, Lucchini 11. All.re Tanfoglio T.L. 20/31
Ospitaletto Basket: Morandini 10, Barra 2, Bracchi 7, Gandossi, Chiari (K.) 10, Zekaj, Simoni, Bertoli 9, Palmisano 5, Svanera 5, Calabria, Zangrandi 13. All.re Moretta T.L. 21/31

Progressione parziali: 20-21; 20-10 (40-31); 18-17 (58-48); 20-13 (78-61)

6^ Rit: Pisogne-MGM 57-67

 

A Pisogne va di gran moda il vintage!!!
Al termine di una partita equilibrata, che ha visto la MGM mantenere una minima supremazia territoriale per 38 minuti con vantaggi tra i 5 e i 7 punti, sono 9 punti rabbiosi di Prederi (classe ‘sessantanove!!!) in 4 azioni consecutive a scavare il break definitivo e a consegnare i due punti nelle mani ospiti!

Per tutto il resto del match invece era stato Giubertoni (classe ‘settantadue!!!) a guidare i padroni di casa, con una leadership di punti, di gioco e caratteriale indiscussa! Alternandosi peraltro nei ruoli di play, ala e pivot…

Venendo alla cronaca, la MGM parte bene trovando la retina con continuità sia da sotto che da fuori, con le bombe di Prederi, Genco e Bignotti, mentre i lacustri si affidano,. come detto, a Giubertoni, sia come finalizzatore che come produttore di gioco e di assist. Il margine ospite arriva rapidamente attorno ai 10 punti, ma Pisogne rintuzza subito e già in chiusura di quarto arriva al -4.

La partita a questo punto cambia volto: gli ospiti perdono precisione al tiro e diventano un po’ più farraginosi in attacco, regalando inoltre in difesa qualche tiro comodo di troppo che gli avversari sfruttano a dovere.
L’impressione è di una supremazia che però fatica a concretizzarsi, e così il punteggio rimane in questo equilibrio fino all’inizio dell’ultimo parziale.

Come spesso accade, in questo frangente l’inseguitrice si gioca il tutto per tutto e prova l’aggancio, e con due bombe di Rubelli e una di Giubertoni arriva per la prima volta al -1; la MGM perde certezze e il risultato si apre a qualsiasi soluzione, ma dopo qualche sofferto batti e ribatti è capitan Prederi che prende per mano i compagni e sciorina tutto il repertorio, segnando in penetrazione (ubriacando il suo uomo), in post basso (ubriacando il suo uomo), da tre e dalla media (con aggrappato il suo uomo)!
Game, set match e… chapeau al Capitano!!!!!

In generale piccolo passo avanti rispetto alla partita scorsa, contro un’avversaria che comunque ha fatto il suo e che in casa, con Giubertoni in questo stato di forma, può sicuramente dare fastidio a tanti.
Ora sotto con il recupero della sfida casalinga contro la Fortitudo (lunedì 16 marzo alle 21.15 – PalaUgolini), occasione imperdibile per tenere il Lumezzane nel mirino in vista dello scontro diretto del 26 marzo e per portare a 6 le lunghezze sull’inseguitrice Trenzano, ieri sera sconfitto da una tenace Padernese.
Tra le due sfide ci sarà però anche quella contro l’Ospitaletto di coach Moretta, altra avversaria da non sottovalutare visto il buon campionato dei Green, già vittoriosi contro di noi all’andata!

VAMOS MGM!!!!!!!!!!!

MGM-108

Una sola parola: il Capitano!

Tabellini
New Basket Pisogne: Gamba F., Corna NE, Gamba D., Rolandi, Cretti NE, Rubelli (K.) 12, Bulgari, Giubertoni 18, Zanardini 6, Aldovini 9, Ravani 12, Spatti NE. All. Spatti M.
FF Flex Link MGM Basket: Turinelli NE, Lottatori 10, Pezzato, Martinelli P., Poletti 5, Genco 11, Bignotti 8, Prederi (K.) 12, Imbelloni 6, Ricci 13, Lucchini 2. All. Tanfoglio

Progressione parziali: 18-22; 13-14 (31-36); 10-12 (41-48); 16-19 (57-67)

15^ And. MGM-Trenzanese 60-70

Se l’anno scorso siamo stati sfigati con gli infortuni di Prederi e Furlanis proprio nel momento clou delle sfide playoff, bisogna ammettere che quest’anno la sfiga si sta distribuendo molto meglio su tutto l’arco del campionato…………..
E così, dopo aver perso per tutta la stagione due giocatori del calibro di Melzani e Napolitano, e dopo aver visto Virgadaula partire per tutto l’anno per il Marocco, per il match più decisivo del girone di andata ci siamo trovati in dote il blocco alla schiena di Turinelli, che l’ha tolto dalla contesa ancor prima di iniziare, la distorsione al ginocchio di Belussi (attesi lunedì i tempi di recupero), gli impegni di Pezzato che l’hanno richiamato a Trento, e l’infortunio di Prederi che l’ha costretto a “giocare” da fermo e senza poter difendere, vista la penuria di giocatori…

Detto questo, i giocatori e le qualità in campo comunque c’erano, ma l’approccio soprattutto mentale non era dei migliori, e in questo dobbiamo ancora migliorare molto: riuscire a trasformare le situazioni di emergenza nella molla per scatenare la rabbia e l’aggressività che servono per sopperire a qualsiasi mancanza e fare l’impresa! Quegli stimoli che si erano visti a Lumezzane, ad esempio, al cospetto della corazzata del campionato.

Ieri sera all’Ugolini è scesa in campo invece una Trenzanese che come ci si aspettava era ben conscia di avere di fronte quasi un’ultima spiaggia per tenere viva la competizione playoff: perdere avrebbe voluto dire scivolare a -6, distacco difficile da recuperare a due formazioni come MGM e CXO che nel girone di andata avevano perso solo 2-3 partite.
E quindi gli ospiti sono partiti subito a spron battuto, sebbene un po’ contratti e imprecisi nelle conclusioni, prendendo in mano il controllo del match, a dispetto invece di una MGM appunto spaesata e timorosa per i motivi di cui sopra.
Solo 6 i punti messi a segno dai padroni di casa nel primo quarto, con un canestro dal campo e 4 tiri liberi… merito sì della difesa ospite ma soprattutto dell’approccio mentale alla sfida.

Nel secondo quarto l’ingresso di Poletti e Ricci dava quella scossa necessaria per entrare in partita.
L’ultimo innesto di casa MGM si presentava con 2 triple e 2 assist per il compagno, immarcabile nel pitturato, e così la MGM non solo ricuciva i 9 punti di distacco della prima frazione ma passava anche a condurre di 3 all’intervallo lungo, dando l’impressione di aver finalmente cominciato a giocare e di aver registrato la difesa.

Le impressioni però a volte sono ingannevoli, e il terzo parziale riprendeva sulla scia del primo: difesa morbida e attacco contrattissimo, con coach Tanfoglio costretto ad inventarsi soluzioni di fortuna per dare riposo all’unico play Bignotti.
Mentre nei primi due parziali gli errori offensivi Trenzanesi avevano mantenuto il punteggio in equilibrio, nei secondi venti minuti gli ospiti trovavano in Andrea Rosola un terminale mortifero: 10 e 10 per lui nei due tempi, per un fatturato totale di 25 punti tutti dall’arco o piazzati, con la 3-2 di casa troppo statica per creare problemi.
Gli uomini di Maestrelli volavano così a +5 e la MGM faticava a rintuzzare, fino a quando nell’ultima frazione il distacco si assestava sul +10 con una pioggia di bombe che rendevano vani tutti i tentativi di recupero dei padroni di casa.
Game, set, match quindi.

Trenzano che porta a casa i due punti con una partita di grande intensità e voglia, e MGM che si lecca le ferite e che deve imparare a non piangersi addosso e a trovare al suo interno le risorse per reagire di fronte ad ogni situazione, come le grandi squadre e i veri gruppi devono saper fare.
Si chiude quindi il girone di ritorno, che ci vede al secondo posto in coabitazione con il CXO a -2 dal Lumezzane capolista (sconfitto a sorpresa in casa del CUS) e a +2 sulla Trenzanese.
Sarà una bagarre promozione di grande lotta nel girone di ritorno… e noi vogliamo esserci!!!!

E ANDIAMO CAZZO!!!!!!!!!!!!!!!!

MGM-98Alessandro Ricci, top scorer di casa ieri sera con 21 punti

Tabellini
FF Flex Link MGM Basket: Martinelli P., Poletti 12, Genco 13, Bignotti 1, Giacomelli G. NE, Prederi (K.) 5, Ricci 21, Imbelloni 3, Lucchini 5. All. Tanfoglio Pitra Trenzanese Basket: Fraccalini 2, Cabrini NE, Tregambe, Nezosi 9, Rosola M. 6, Scolari 10, Martinoli 8, Zanella (K.) 4, Rosola A. 25, Begni, Festa 6, Belandi NE. All. Maestrelli

Progressione parziali: 6-15; 26-14 (32-29); 14-22 (46-51); 14-19 (60-70)